.:: Camera di Commercio di Matera ::.

Vai al menu principale  Vai ai contenuti della pagina


Home > Comunicazione > Comunicati Stampa 2005 > Crisi economica, Bronzino convoca i sindaci

Crisi economica, Bronzino convoca i sindaci

Crisi produttiva. Il presidente Bronzino incontrerà i sindaci materani
 
Allo scopo di individuare cause, ragioni ed eventuali rimedi alla situazione di congiuntura negativa che colpisce indiscriminatamente l’ imprenditoria in ogni Comune della nostra provincia, aggravata dalla crisi della Valbasento, del distretto del salotto e del settore agroalimentare, il presidente della Camera di commercio di Matera Domenico G. Bronzino incontrerà nei prossimi giorni i sindaci. Sarà l’ occasione per fare il punto della situazione e attivare iniziative di ripresa, coinvolgendo enti e istituzioni a tutti i livelli.
 
"La situazione di oggettiva difficoltà che sta attraversando in maniera trasversale e intersettoriale il sistema economico-produttivo della nostra provincia -ha detto Bronzino- impone alle amministrazioni pubbliche una seria riflessione per individuare tracce di lavoro che consentano di individuare azioni efficaci di supporto alla realtà economica locale. Nell’ attuale scenario di stagnazione per l’ economia appare quantomeno opportuno, riscoprire o ribadire forme avanzate di concertazione a sostegno del territorio. Per queste ragioni, oltre che alla necessità di comprensione dei dati di ciascun contesto ho chiesto di incontrare i vertici istituzionali di tutte le amministrazioni comunali della provincia di Matera".
 
 
Matera 20 maggio 2005                                                      
L’addetto stampa
Francesco Martina
Data di pubblicazione: 15/07/2011
Data di aggiornamento: 15/07/2011

Cerca

Voci Collegate

Esprimi il tuo voto:

Loading........
Voti per questo Articolo: 0
Condividi:
Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter