.:: Camera di Commercio di Matera ::.

Vai al menu principale  Vai ai contenuti della pagina


Home > Servizi > Diritto annuale > >> SANZIONI

>> SANZIONI

SANZIONI

VIOLAZIONI NEL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE AI SENSI DEL DECRETO 27 GENNAIO 2005, N. 54

Nel caso di omesso o tardivo pagamento del diritto annuale, si applica una sanzione amministrativa tributaria variabile tra il 10 e il 100% dell’ammontare del diritto dovuto, secondo i principi del D.Lgs. n. 472/97, del D.M. n. 54/2005 e del Regolamento della Camera di commercio di Matera approvato in data 10/01/2006.

PROCEDIMENTO DI RISCOSSIONE DEL TRIBUTO E DI IRROGAZIONE DELLE SANZIONI
Le sanzioni previste dal Decreto n. 54/2005 sono irrogate dalla Camera di commercio competente per territorio ai sensi dell’articolo 16 e dell’articolo 17 del decreto legislativo n.472/1997, determinando così diverse possibilità di scelta sulla procedura da adottare:
a) notifica dell’atto di contestazione
b) notifica dell’atto di irrogazione delle sanzioni
c) iscrizione immediata a ruolo delle somme dovute.

RISCOSSIONE TRAMITE NOTIFICA DELL’ATTO DI IRROGAZIONE DI SANZIONE (art. 17 c.1 D.Lgs. n. 472/97)
Con l’atto contestuale di accertamento e irrogazione di sanzione la Camera di commercio, accertate le violazioni commesse, comunica il tributo dovuto, le sanzioni irrogate e gli interessi da versare.

Modalità di pagamento
Gli importi dovuti devono essere versati con il modello F24 con le stesse modalità previste per il pagamento ordinario del diritto, riportando i dati contenuti nella tabella riepilogativa contenuta nell’atto di irrogazione.
Sono altresì dovute le spese del procedimento e di notifica dell’atto che dovranno essere pagate sempre tramite il modello F24.

Proposizione del ricorso avverso l’atto di irrogazione di sanzione
Avverso l’atto contestuale di accertamento e irrogazione di sanzioni, è possibile proporre ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Matera, ai sensi del D.Lgs. n. 546/1992, entro il termine perentorio di 60 giorni dal ricevimento dell’atto.
E’ altresì possibile presentare alla Camera di commercio di Matera una istanza di riesame intesa ad ottenere l’annullamento totale o parziale dell’atto, ovvero la riduzione delle sanzioni. La stessa non interrompe né sospende i termini per la proposizione del ricorso di fronte alla Commissione Tributaria Provinciale.

Emissione del ruolo di II livello
Nel caso di omesso o incompleto pagamento dell'atto sanzionatorio, in ottemperanza alle disposizioni legislative contenute nel D.P.R. n. 602/1973, come modificato dal D.Lgs. n. 46/1999, e nel D.Lgs n. 112/1999 si procede alla formazione dei ruoli incaricando dell’incasso gli Agenti della Riscossione.
L'importo da versare sarà aumentato degli interessi per il periodo che intercorre tra la data di emissione degli atti e la data di emissione del ruolo.

Proposizione del ricorso avverso il ruolo di II livello
Il ricorso contro la cartella esattoriale può essere presentato solo per vizi propri, ossia per errori materiali della cartella o per vizi della notifica, ma non può essere presentato per contestare nel merito l'atto d'irrogazione della sanzione, in quanto i termini per proporre ricorso contro l'atto stesso sono già scaduti.
Il ricorso in bollo  e  intestato alla Commissione Tributaria Provinciale deve essere presentato entro 60 giorni dalla data di notifica della cartella, notificandolo all'ufficio(ente e/o agente di riscossione) contro cui si ricorre tramite raccomandata con avviso di ricevimento, oppure ufficiale giudiziario, o ancora consegnandolo all'impiegato addetto all'ufficio, facendosi rilasciare la relativa ricevuta.

Richiesta di informazioni del ruolo/richiesta di discarico amministrativo
Se l’atto contestuale di accertamento e irrogazione di sanzione è stato pagato oppure è evidente un errore da parte dell’Ente o, ancora, se sono necessari dei chiarimenti, è possibile presentare un’istanza o rivolgersi direttamente alla Camera di commercio, Ufficio Tributi, Via Lucana n.82- Matera e ai numeri di telefono 0835/338420 - 0835/338461

L’Ufficio, a seguito di verifica, potrà discaricare la cartella senza la necessità che il contribuente presenti ricorso.

 

RISCOSSIONE TRAMITE IMMEDIATA ISCRIZIONE A RUOLO (art. 17 c. 3 D.Lgs. n. 472/97)
La Camera di commercio competente può contestare le violazioni previste dal D.M. n. 54/2005 anche tramite iscrizione a ruolo, senza previa contestazione, secondo le disposizioni legislative contenute nel D.P.R. n. 602/1973, come modificato dal D.Lgs. n. 46/1999, e nel D.Lgs n. 112/1999 incaricando dell’incasso gli Agenti della Riscossione.

Modalità di pagamento
Gli importi dovuti devono essere versati secondo le modalità comunicate dall’Agente della riscossione.

Proposizione del ricorso avverso la cartella esattoriale
Avverso la cartella è possibile proporre ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Matera, ai sensi del D.Lgs. n. 546/1992.
Il ricorso in bollo e  intestato alla Commissione Tributaria provinciale deve essere presentato entro 60 giorni dalla data di notifica della cartella, notificandolo all'ufficio (ente e/o agente di riscossione) contro cui si ricorre tramite raccomandata con avviso di ricevimento, oppure ufficiale giudiziario, o ancora consegnandolo all'impiegato addetto all'ufficio, facendosi rilasciare la relativa ricevuta.

Richiesta di informazioni del ruolo/richiesta di discarico amministrativo
Se la cartella si riferisce ad annualità pagate oppure è evidente un errore da parte dell’Ente o, ancora, se sono necessari dei chiarimenti, è possibile presentare un’istanza o rivolgersi direttamente alla Camera di commercio, Ufficio Tributi, Via Lucana n.82 -Matera e ai numeri di telefono 0835/338420- 0835/338461.

L’Ufficio, a seguito di verifica, potrà discaricare la cartella senza la necessità che il contribuente presenti ricorso.
 

Data di pubblicazione: 06/12/2011
Data di aggiornamento: 03/05/2013